Leonardo Pivi



Daniela Ardizzone
Nicola Davide Angerame
Dede Auregli
Renato Barilli
Luca Beatrice
Maria Rita Bentini
Bruno Benuzzi 
Francesco Bonazzi
Beatrice Buscaroli Fabbri
Lorenzo Canova
Paul Carey Kent
Fabio Cavallucci
Guido Curto
Roberto DaOlio
Edoardo Di Mauro
Emanuela De Cecco
Costantino D’Orazio
Francesco Gabellini 

Sabrina Ghinassi
Francesca Giraudi
Raffaella Iannella
Anna Malapelle
Susanna Mandice
Luigi Meneghelli
Guido Molinari
Alessandro Pessoli
Francesca Pietracci
F. Poli / G. Serusi
Ludovico Pratesi
Letizia Ragaglia
Gianni Romano
Maurizio Sciaccaluga
Marco Senaldi
Sabina Spada
Maria Grazia Torri 

Una Babele post moderna, 2002
Edoardo Di Mauro

Anche con Leonardo Pivi il tema dell’antichità diviene attuale, l’artista romagnolo, che si è sempre espresso con una gamma di soluzioni formali estremamente variegata, e supportata da analogo virtuosismo tecnico, è uno dei pochi artisti in grado di donare vita a un linguaggio apparentemente tramontato come quello del mosaico. Attraverso l’uso consapevole di questa tecnica, aggiornata verso la lunghezza d’onda dell’iconografia contemporanea, è possibile indicare concretamente il collegamento diacronico che collega tra loro la fenomenologia degli eventi artistici.